Dic 12
Vino killer per rapinare turisti a Colle Oppio

ROMA – Una vicenda che ha dell’incredibile 3 ragazzi di origini stranieri selezionavano le loro vittime prima di derubarli completamente le vittime erano principalmente stranieri. Venivano avvicinati con modi garbati ,facevano in modo che la vittima si fidasse quel poco per dargli un poco di fiducia e poi li convincevano a seguirli per una passeggiare […]

ROMA – Una vicenda che ha dell’incredibile 3 ragazzi di origini stranieri selezionavano le loro vittime prima di derubarli completamente le vittime erano principalmente stranieri. Venivano avvicinati con modi garbati ,facevano in modo che la vittima si fidasse quel poco per dargli un poco di fiducia e poi li convincevano a seguirli per una passeggiare nei pressi del Parco di Colle Oppio, a Roma, ed offrivano loro del vino contenente del sonnifero. Quando le vittime perdevano i sensi, agivano indisturbati, derubandole di tutto.

Ma il trucchetto da loro escogitato non sempre è andato a buon fine infatti un turista americano è rimasto vittima dal potente sonnifero contenuto nel vino. Gli agenti del Commissariato Celio, diretto da Tiziana Lorenzo, al termine di una indagine complessa, hanno arrestato due persone. Una terza, identificata, è attualmente ricercata.

I due malviventi, arrestati in flagranza di reato dagli agenti del commissariato Celio con l’accusa di rapina aggravata, sono un cittadino di nazionalità romena di 26 anni e di uno egiziano 24 anni, mentre un terzo complice di 23 anni, è ancora ricercato. I due romeni sono residenti nel campo rom Stacchini a Bagni di Tivoli mentre l’egiziano in zona Tiburtina.

La loro strategia era sempre la stessa: vittime principalmente turisti, approccio amichevole, una passeggiata nel Parco di Colle Oppio, del vino alla benzodiazepina poi una volta che la vittima perdeva i sensi scattava la rapina. In tutto una cinquantina di colpi, tutti i colpi venivano fatti di sera davanti a locali del centro di Roma, in particolare nella strada dei gay. Un modo di agire che ha fatto subito pensare che le rapine si svolgevano di notte dove a frequentare erano soprattutto persone gay. Cosi, dopo aver messo in atto un piano basato su appostamenti in vari punti della zona, e grazie alla collaborazione dei commercianti e degli altri frequentatori abituali del quartiere, gli agenti del Commissariato Celio hanno sorpreso i rapinatori mentre mettevano a segno un nuovo colpo.

I due arrestati non bevevano mai dalla bottiglia offerta alle persone che prendevano di mira, contenente una potente miscela di vino e sonnifero alla benzodiazepina. L’ultima vittima è un turista svizzero adescato in un locale, al quale è stato fatto bere il vino. Pochi minuti e la vittima aveva iniziato a barcollare fino ad essere scortata dai due verso il parco di Colle Oppio. Una volta sul posto, mentre uno dei due faceva da palo, l’altro derubava il turista. I due sono stati arrestati in flagranza dagli agenti, che li avevano seguiti.

Moiludi by  wordpress themes