Giu 13

Igiene in cucina

Posted by Camilla in Cucina

igiene in cucinaSe vi chiedessi: “Secondo voi in quale stanza della vostra casa albergano più germi?”, la risposta che probabilmente la maggior parte di voi darebbe sarebbe “Ovviamente il bagno”.

Sbagliato! La stanza con la carica batterica più alta delle nostre case non è il gabinetto ma la cucina.

Per avere un’idea vi basterà sapere che nel solo lavello la quantità di germi è 100.000 volte maggiore rispetto a quella del water, per non parlare di tutti i contaminanti che portiamo puntualmente in cucina, sulle superfici e nel frigo, anche con prodotti apparentemente puliti.

Come fare quindi per diminuire la carica batterica delle nostre cucine? Beh, basta seguire 7 semplici regole:

  1. Pulite regolarmente con cura le superfici di lavoro con acqua calda e sapone, togliendo di mezzo tutti gli oggetti che accumulano sporcizia e che non usate.
  2. Lavate le mani in maniera accurata con acqua calda e sapone, sciacquatele bene e asciugatele prima di iniziare a cucinare.
  3. Controllate la temperatura del frigo, che non deve mai essere superiore ai 5°C. La carne cruda (come il pollo) va tenuta sul ripiano inferiore e ben coperta, per evitare di contaminare gli altri alimenti del frigo.
  4. Pulite il tagliere e tutti gli utensili utilizzati in acqua calda e sapone ogni volta che li utilizzate cercando di utilizzare taglieri differenti per la carne cruda e la verdura.
  5. Cambiate (o lavate con cura) almeno una volta a settimana gli strofinacci, la tovaglia e le spugne.
  6. Per la pulizia utilizzate i prodotti destinati alla cucina,sono formulati appositamente per eliminare i germi garantendo una certa sicurezza per essere utilizzati là dove mangiamo e cuciniamo.
  7. La carne di pollo e di maiale, più contaminata rispetto a quella di mucca, va sempre cotta bene, senza lasciare parti crude.

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.

Moiludi by  wordpress themes